con Punto Prelievi Laboratorio Analisi Cliniche Consorziato - Messaggio aziendale


CONSULENZA GENETICA

Consulenza genetica
 
Cos’è ?
 
Il counselling genetico è un atto medico complesso mediante il quale i soggetti e le famiglie interessate vengono informati sulla natura, l’ereditarietà e le implicazioni delle malattie genetiche, nel tentativo di fornire un aiuto in merito al prendere decisioni “informate” d’ordine medico e personale.
 
In cosa consiste?
 
È una visita specialistica la cui durata mediamente è di circa 45 minuti; spesso sono necessari ulteriori appuntamenti per poter effettuare, nel rispetto delle linee guida nazionali ed internazionali, le seguenti fasi:
  • raccolta delle informazionie dei quesiti posti dal consultando
  • pedigree per evidenziare eventuali occorrenze/ricorrenze di patologie
  • visita medica del probando e, quando ritenuto necessario, dei familiari
  • fotografie, previa compilazione del consenso informato, di viso, arti, figura intera e di eventuali caratteristiche fenotipiche riscontrate
  • eventuale completamento degli esami clinici, laboratoristici o genetici
  • raccolta di uno specifico consenso informato
  • consultazione di testi specialistici, database, updating della letteratura scientifica on-line
  • relazionescritta e firmata in cui viene fornita risposta ai quesiti sollevati dai consultandi e/o dal medico richiedente.
 
Nello specifico è possibile differenziare la consulenza genetica in relazione alle necessità dell’utente in:
 
INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PRE E POST-NATALE:
 
in presenza o nel sospetto di una patologia genetica specifica nel consultando, nella sua prole o nel prodotto del concepimento, in particolare:
 
CONSULENZA GENETICA PRE-CONCEZIONALE, RIPORODUTTIVA O PRE-NATALE:
è un processo informativo mediante il quale un individuo, o più frequentemente, una coppia, viene messo al corrente degli aspetti genetici, prognostici, terapeutici e dell’eventuale possibilità di prevenzione e/o diagnosi di una malattia genetica. L’obiettivo di tale consulenza è la programmazione di scelte riproduttive consapevoli(diagnosi prenatale, diagnosi pre-sintomatica, fecondazione assistita…).
 
Indicazioni:
 
  • Età avanzata ( materna e/o paterna)
  • Familiarità
  • Stato di portatore di patologie genetiche o cromosomiche di uno o entrambi i genitori
  • Esposizioni ad eventuali sostanze teratogene
  • Presenza di patologie fetali (malformazioni, cromosomopatie accertate alla
  • diagnosi prenatale, alterazioni dei markers ecografici e/o biochimici)
 
CONSULENZA GENETICA POST-NATALE:
 
è un processo informativo mediante il quale i genitori di un bambino affetto o deceduto per patologia genetica o malformativa, vengono messi al corrente delle conseguenze della malattia, dell’eventuale modalità di trasmissione e delle possibilità di diagnosi e cura.
 
CONSULENZA GENETICA ONCOLOGICA:
 
circa il 5-10% dei tumori insorge sulla base di una predisposizione ereditaria determinata da mutazioni a carico di geni di suscettibilità. Allo stato attuale è possibile identificare persone ad alto rischio di insorgenza di tumori attraverso l’analisi della storia familiare e/o l’applicazione di test genetici.
Parallelamente si sono avuti importanti sviluppi nel campo della sorveglianza e della prevenzione dei tumori, di conseguenza,l’individuazione di soggetti a rischio permette l’applicazione di eventuali misure preventive e di diagnosi precoce.
L’obiettivo della consulenza genetica oncologica è quello di ridurre la morbilità e la mortalità per cancro attraverso l’identificazione di soggetti con predisposizione ereditaria e di fornire adeguate risposte alle preoccupazioni delle persone con storia familiare oncologica.
 
Perché richiedere una consulenza genetica?
 
  1. Circa il 3% dei neonati presenta anomalie cromosomiche o difetti di un singolo gene
  2. Il 50% delle sordità, cecità, e ritardi mentali infantili sono dovuti a fattori genetici
  3. Il 30% dei ricoveri ospedalieri in età pediatrica e il 50% dei decessi pediatrici sono dovuti a malattie genetiche o malformazioni congenite
  4. Il 10% dei tumori più comuni presentano una forte componente genetica
  5. Il 5% degli adulti presenteranno una malattia multifattoriale nella quale i fattori genetici sono importanti(asma, ipertensione, diabete, cardiopatia ischemica, trombofilia genetica, patologi autoimmuni, celiachia……)
 
Chi e quando richiedere una consulenza genetica?
 
Tutti, a qualunque età, purchè vi siano le seguenti condizioni:
 
  • Familiarità per una malattia genetica o presenza di malformazioni congenite
  • Età avanzata di uno o entrambi i genitori
  • Appartenenza a popolazioni ritenute ad alto rischio di patologie ereditarie
  • Consanguineità
  • Sterilità maschile e femminile
  • Poliabortività
  • Esposizioni ad agenti teratogeni
  • Infezioni contratte nei primi mesi di gravidanza
  • Familiarità per patologie tumorali
 
 
Elenco delle patologie più frequentemente soggette a consulenza genetica
 
  • Sterilità-Infertilità
  • Poliabortività
  • Malformazioni congenite
  • Cromosomopatie (S. di Down, S. di Edwards, S. di Patau S. di Turner, S.di Klinefelter,…)
  • Cardiopatie congenite (CAV, DIV, DIA, stenosi arteria polmonare, coartazione aortica, aritmie…)
  • Malattie metaboliche (glicogenosi, omocistinuria…)
  • Malattie auto infiammatorie (Febbre Mediterranea Familiare, CINCA, TRAPS…)
  • Malattie dell’apparato digerente (Fibrosi cistica, malattie infiammatorie croniche intestinali, m. di Hirschsprung tipo 1, poliposi del colon…)
  • Malattie neuromuscolari (distrofia muscolare di Duchenne- Becker, distrofia miotonica…
  • Sordità ( sindromica e non)
  • Malattie dell’apparato ematopoietico (anemie, coagulopatie, piastrinopenie, immunodeficienze primitive…)
  • Endocrinopatie (diabete, deficit GH, ipotiroidismo…)
  • Malattie della cute e degli annessi (genodermatosi……)
  • Malattie neurologiche (ritardo mentale sindromico e non sindromico, patologie degenerative, epilessie, paresi…)
  • Malattie dell’occhio (Malformazioni congenite, Cataratta congenita, Retinopatia, Glaucoma….)
  • Malattie respiratorie (Fibrosi Cistica, deficit Alfa-1 antitripsina…)
  • Malattie mitocondriali (Atassia di Friedreich, sindrome di Leigh…)
  • Nefropatie (rene policistico, nefronoftisi, s. di Fanconi, S. di Alport …)
  • Displasie scheletriche
  • Bassa statura idiopatica e/o da causa genetica
  • Tumori ( intestino, mammella, ovaio, prostata…)